Corso di Formazione su Comunicazione Aumentativa e Alternativa

A Crotone,  il  corso di formazione base “Comunicazione Aumentativa e  Alternativa”

ISCRIZIONI ENTRO IL 25.06.2018

PERIODO: Giugno – Settembre 2018

Il corso si rivolge a Medici, Psicologi, Logopedisti, Fisioterapisti, Terapisti della Neuro e psicomotricità dell’Età Evolutiva, Terapisti Occupazionali, Educatori Professionali, Infermieri, Assistenti Soci ali, con una durata di 62 ore (di cui 46 con ECM) suddivise in quattro moduli.

 

La Comunicazione Aumentativa ed Alternativa (CAA) costituisce un’area di ricerca e di pratica clinica ed educativa. La CAA studia e quando necessario tenta di compensare disabilità comunicative temporanee o permanenti, limitazioni nelle attività e restrizioni alla partecipazione di persone con severi disturbi nella produzione del linguaggio (language) e della parola (speech) e/o di comprensione, relativamente a modalità di comunicazione orale o scritta. Il temine “aumentativa” sta ad indicare come tecniche, metodi, strumenti di CAA siano tesi, in prima istanza, non a sostituire modalità di comunicazione già presenti ma ad accrescere la comunicazione naturale attraverso il potenziamento delle abilità presenti e la valorizzazione delle modalità naturali (orali, mimico-gestuali, visive, ecc.). Il termine “alternativa” sta ad indicare come la CAA faccia ricorso, quando necessario, a modalità e mezzi di comunicazione speciali, sostitutivi del linguaggio orale (modalità che possono comprendere ausili, tecniche, strategie, strumenti come simbologie grafiche, scrittura, gestualità). Lo scopo della CAA è fornire alla persona con Bisogni Comunicativi Complessi (BCC) modalità il più possibile indipendenti di comunicazione e di massimizzarne le abilità e le opportunità di partecipazione negli ambienti di vita (“Principi e pratiche in CAA”, 2017, ISAAC Italy).

Descrivere ed analizzare il concetto di comunicazione significa inoltrarsi all’interno di un percorso vasto ed eterogeneo che si sviluppa attraverso numerose modalità non costantemente e strettamente legate all’uso del linguaggio verbale. Tali aspetti verranno affrontati in modo da offrire una riflessione aperta su ciò che accade nelle persone con BCC, sulla specificità dei livelli funzionali globali e sull’analisi dei fattori ambientali. La somma dei vari elementi permette di strutturare un percorso di CAA che sulla linea del modello di partecipazione di Beukelman e Mirenda (2014) guida le diverse figure secondo il proprio ruolo nell’evoluzione del progetto dall’assessment all’intervento.

Scarica la Brochure Corso CAA Fondazione TURANO ONLUS ECM